Mario Monicelli 1915-2010

Se n’è andato Mario Monicelli. Ha scelto lui il quando e il come. Mica era uno da mettere la sua vita nelle mani di qualcun altro. E ha deciso di volarsene via dal suo letto d’ospedale. Pochi oggetti della cultura – libri film musiche opere d’arte che siano – stanno nella mia mente e nel mio cuore come alcuni suoi lavori. Quand’ero ragazzino, e le televisioni non sputtanavano canone e soldi dell’inserzionista in fiction insulse, in storie di sbirri, preti e dottori, era facile, in certi afosi pomeriggi d’estate, incappare in una qualche commedia all’italiana. Non soltanto il gusto per certe maschere, per certe parabole grottesche e per lo sberleffo al Potere, ma anche una parte importante della mia formazione intellettuale e di cittadino vengono da lì. L’armata brancaleone, Amici miei, I compagni, La Grande Guerra, Caro Michele, Totò e Carolina, Vogliamo i Colonnelli…per cui grazie, Mario, e alla prossima.

Vent’anni dopo Tognazzi, dieci anni dopo Gassman, l’Aldilà sta diventando un luogo sempre più divertente.

Contrassegnato da tag , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: