Tim Hetherington, Chris Hondros 1970-2011

Di Tim Hetherington ricordo benissimo uno scatto vincitore del premio World Press Photo nel 2007: guerra in Afghanistan, un soldato americano porta la mano sul volto, in un’espressione di scoramento. Tutta l’essenza della guerra in un’immagine, resa distante da quel po’ di mosso che rende la guerra irrappresentabile. Uno stile quasi pittorialista, mentre Chris Hondros era tutto per gli sguardi delle persone, che mostrano quasi più dell’occhio del fotografo. Sono morti a Misrata, in Libia, raccontando con le loro immagini una guerra vicina e quasi subito dimenticata. Hondros è caduto poco dopo aver scattato questa foto:

Sono forse i suoi ultimi istanti di vita. Hanno avuto entrambi, Tim e Chris, la sorte di molti loro grandi colleghi fotoreporter di guerra, a partire da Robert Capa, il più grande di tutti. Capa diceva che se la foto non è buona è perché non ci si è avvicinati abbastanza. Ma la vicinanza è rischiosa. Ecco la figura terza, tra lo spettatore e il protagonista. Il fotoreporter. A tutti i fotoreporter caduti sul campo: grazie, e che la terra vi sia lieve.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: