L’amara medicina

Come giudicare il medico – o il tecnico – che, per salvarti la vita, ti amputa una gamba? Le prime reazioni a Monti rientrano nella norma (anche il delirio leghista vi rientra): di fronte ai provvedimenti impopolari è inevitabile la resistenza di chi abbia tratto qualche vantaggio dall’uso della parola ‘popolo’ . Anche la Lega nella sua fase, delirante e ridicolissima, “di lotta”. si è già vista. Che Monti stia tuttavia muovendosi da buon equilibrista lo provano le critiche (alquanto frettolose, a dire il vero) di Alesina e Giavazzi. Ma ciò che di realmente nuovo porta questo governo è l’assenza di infingimenti propagandistici. Se c’è qualcosa di apprezzabile nei tecnici, oltre alla loro competenza, è l’assenza di riflessi “politici” in senso deteriore. Niente voti da guadagnare né clientele da mantenere, ma una certa brutale chiarezza di cui in momenti come questo c’è assoluta necessità.

Ecco quindi che anche l’assenza di una patrimoniale – assenza difficile da digerire, per quanto mi riguarda – assume un segno diverso dal previsto. Sappiamo che è più facile prendere poco a molti che non molto a pochi e per ora concediamo il beneficio del dubbio al Professore: prendiamo il suo non come rifiuto ideologico (“paesi considerati civili” come la Francia, adottano un’imposta sui grandi patrimoni, ricorda Monti),  quanto come un puro calcolo di efficacia: con una lentezza curiale che ricorda forse quella di Prodi e con appena un sentore di ironia, Monti ha in effetti spiegato come per arrivare legalmente ad individuare i grandi patrimoni ai fini di un prelievo occorra mettere a punto strumenti di indagine dei quali ora non disponiamo. Questa cosa porterebbe via due anni – un’era geologica in tempi di crisi – durante i quali, peraltro, i capitali prenderebbero facilmente il volo fuori dai nostri confini.

Sull’altro grande tema, quello delle pensioni, l’esposizione della Fornero è stata ineccepibile, nella forma e nella sostanza. Non ci ricordavamo più cosa potesse significare veder piangere un ministro: la tensione nervosa sciolta nel pianto è stato un segno di reale partecipazione, cioè di verità. Quando il Ministro avverte che i principi di equità, in questo preciso momento, sottostanno ai vincoli finanziari, stabilisce un rapporto onesto con il Paese, e non è poco. Oltre a questo – importantissimo – aspetto comunicativo,  entrando nel merito della riforma (della riforma della riforma della…), non riesco a trovare alcunché di scandaloso nel c.d. adeguamento dell’età pensionabile. E’ probabile che sia stato plagiato dai temibili apparati della propaganda demoplutoippoquiquoqua, come pensano alcuni dei miei vecchi compagni, eppure, che vi devo dire, trovo l’argomento della Fornero estremamente convincente: se lo Stato non mi dice quando mi devo sposare o avere un figlio, perché dovrebbe dirmi quando smettere di lavorare? La Civiltà del Lavoro e le sue contraddizioni durante la crisi: quanto è miope una visione della Vita che si spenda in lotte per difendere due anni di pensione? Quello che viene svelato in momenti come questo è un quadro deprimente, nel quale ai quarant’anni (il “numero magico” di Susanna Camusso) di lavoro salariato – cioè di galera – seguirebbero vent’anni di meritato riposo. Il che porta a riflessioni ambigue ed imbarazzanti: il Lavoro nobilita l’Uomo, al punto da desiderare di fuggirne non troppo tardi? La vita è quella liberata dal Lavoro organizzato? E’ tragicamente così, per quasi tutti noi. E la risposta ‘di sinistra’ dovrebbe forse essere quella per cui la Vita si ritrae, si comprime e si realizza negli anni di una (asupicabilmente lunga) vecchiaia assistita? Mio Dio. Non vedo segni di progressismo in questo, e nemmeno di Socialismo, per come (sempre più) confusamente lo immagino.  Sappiamo quanto sia centrale la funzione dei sindacati. E tuttavia, anche tralasciando Angeletti e Bonanni, non trovo più sostenibili alcune posizioni di CGIL su questo punto. Posizioni che si spiegano molto semplicemente con la crisi profonda dell’occupazione, e quindi con la caduta del numero di lavoratori attivi iscritti al sindacato, superati dai pensionati.  Capisco il gioco delle parti, la necessità di difendere la categoria prevalente dei tesserati: proprio per questo occorrerebbe un sindacato meno attaccato alla retorica e più alla concretezza del nostro scenario.  O qualcuno è sinceramente convinto che si possano difendere salari e pensioni dopo un’eventuale bancarotta del Paese e la fine della moneta unica europea?

Contrassegnato da tag , , , , ,

4 thoughts on “L’amara medicina

  1. cristiano prakash dorigo scrive:

    sarà l’età… credo che il pianto della ministra dipenda dal fatto che nel momento in cui parlava, ha realizzato che stava per dire a gente- gente con una g: persone vere, malaticce, inermi- che guadagna la mese quello che lei forse guadagna in un’ora, o in un giorno, cambia poco, che dovevano sacrificarsi. questo fa piangere, e in modo autentico! la patrimoniale- speriamo cazzo!-, non gliel’avrebbero mai fatta passare, credo. e credo che lo sgomento derivi anche dal fatto che chi parlava, al di là delle considerazioni soggettive, risultava credibile. si può criticare, contestare, ma si è costretti a farlo in modo credibile. una novità dopo anni di avanspettacolo.

  2. sono sotanzialemente d’accordo con te. Aggiungo però che il vulnus enorme di questa manovra, al di là dei vari slogan del sindacato o della sinistra (che lasicano un po’ il tempo che trovano) è la totale assenza di tagli strutturali alla farraginosa macchina statale. Non si risana un paese con le tasse, soprattutto un paese che ha un’evasione e una corruzione (negli apparati statali, sostanzialmente) pari a non so quante volte il proprio PIL. Sulla pensione concordo. Ma messa così, questa manovra sarà solo un fallimento. Una volta recuperati questi soldi, i prossimi come li incassano? Tasse e leggi pensionistiche vanno bene in un paese sano. Non in un paese che come corruzione sta sotto al Venzuela e al Ghana. Capisco che Monti non possa sciogliere il consiglio della Regione Lombardia, per dire. Ma gli evasori si sa benissimo come pescarli (dixit il direttore dell’Agenzia delle entrate) e la corruzione interna al sistama politico una volta, tempo fa, fu già intaccata.
    Non c’è patrimoniale che tenga, sarebbe come curare un malato di cancro con l’aspirina. Due sono i problemi centrali dell’Italia: evasione e corruzione. Chiunque li ignori è destinato a fallire, e a uccidere i cittadini tassandoli fino a che non avranno più di che mangiare.

    • Federico Gnech scrive:

      Naturalmente su evasione e corruzione non posso che essere d’accordo con te. In realtà nel mio post esaminavo soltanto i due o tre principali temi inclusi nella manovra o quelli la cui esclusione era stata discussa, come la patrimoniale. Ho tralasciato anche di parlare della mancata indicizzazione delle pensioni, per dire. Su quello che Monti non sta facendo (o non ha ancora fatto) non mi sono pronunciato. Premesso che questo è un governo di emergenza e non avrebbe comunque il mandato per un risanamento profondo del Paese, lo stiamo giudicando per le sue primissime azioni, quelle dettate dalla necessità di evitare che il Paese arrivasse all’insolvenza e che tutta la zona Euro andasse a ramengo. Provvedimenti semplici da realizzare rapidamente, cose che puoi mettere subito a bilancio, al contrario delle operazioni di recupero del sommerso, ad esempio. Diciamo che se la nave imbarca acqua lontano dal porto, prima di tutto devi tappare la falla con quello che trovi. Poi se ce la fai la porti in bacino di carenaggio e la ripari seriamente – o la smonti e ne costruisci un’altra. Ma la priorità è non affondare.
      Il vero problema, rispetto al risanamento profondo, si porrà quando la palla dovrà tornare ai politici, dopo le prossime elezioni: tu vedi qualcuno in grado di fare meglio di Monti? Io no, ahinoi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: