A Natale regala un pogrom

Una famiglia torinese “ossessionata dalla verginità” della figlia, accertata con “frequenti visite dal ginecologo”.
Una ragazzina – non del tutto partecipe dell’ossessione – che consuma il suo primo rapporto con un amichetto, all’insaputa dei genitori, e viene evidentemente presa dal panico per le possibili conseguenze del suo gesto. Possiamo solo immaginare quali potevano essere le reazioni della tribù insediata alle Vallette: ripudio della figlia, cacciata dalla casa paterna, lapidazione? (ricordo che stiamo parlando di cattolici apostolici romani, non di fondamentalisti islamici).
Ecco dunque balenare nella mente della ragazza – forse su suggerimento del complice fratellino, che renderà falsa testimonianza – un’idea semplice semplice: fingere di essere stata stuprata. Da chi? Ma dagli zingari, e da chi altro? Accusa pronta e capro espiatorio a portata di mano. In poche ore una folla di un centinaio di persone prende parte ad una “fiaccolata” presso un campo nomadi, che brucia in un rogo fortunosamente senza vittime. Non è un fatto nuovo, soltanto tre anni fa a Ponticelli, presso Napoli, successe qualcosa di simile. E ricordo un mio conoscente raccontare di come al suo paese (un triste borgo nello zanzaristan veneto, sulle rive del Po) di fronte a qualche sciocco diverbio, alcune decine di bravi cittadini avessero pianificato la loro spedizione antirom, rogo incluso. Avevano desistito forse per pigrizia. A quell’epoca non si parlava nemmeno di crisi economica.
In questa storia incontriamo tre comunità agenti: quella nucleare della famiglia ossessionata dall’imene. Quella allargata della folla pronta al linciaggio (della quale gli ultras della Juve sono parte integrante, l’avanguardia militarizzata, per così dire) e infine quella, settoriale, della stampa in cerca del canonico mostro da prima pagina.
La prima è un fossile di comunità, che credevamo già scomparsa in Occidente – anche se in tempi di impoverimento questo processo può rallentare o invertirsi. La seconda è semplicemente la materia bruta di cui sono fatte le società. Basta grattare un po’ sotto la superficie per accorgersene. La terza è quella comunità che vive parassitando i riflessi ancestrali delle altre due. Tendenzialmente attribuirei ai giornalisti le maggiori responsabilità. Ne hanno di enormi, sul piano della creazione della pubblica opinione nazionale. Meno, a livello locale: il pogrom è un fenomeno molto più antico dei mass media, basato sul passaparola. L’ipotesi per cui le violenze sarebbero state pilotate da qualche malavitoso desideroso di vendicare uno sgarro non cambia assolutamente nulla, aggiunge soltanto un altro squallido dettaglio ad una realtà di per sé inquietante.
Una comunità apparentemente assente è quella della politica. Del resto i partiti non dovrebbero avere a che fare con la folla. A meno che non si tratti dei partiti fascista o nazionalsocialista, che dovrebbero essere banditi da una repubblica democratica e antifascista. In realtà un politico c’era. Senz’altro in buona fede, nel tentativo di racimolare o di non perdere qualche voto, Paola Bragantini, segretaria provinciale del PD e Presidente di circoscrizione, era presente alla “fiaccolata”, documentandone gli esiti con la dovuta indignazione. Dice la Bragantini sul suo profilo fessbook che i facinorosi protagonisti del pogrom non rappresentano la città. Ci credo. Quelli che rappresentano la città sono invece la Bragantini e i suoi colleghi, la cui distanza da quello che sta succedendo in questo Paese è sempre più grande, forse incolmabile.

Le tracce della vicenda sui media (social e no) sono ben riassunte in questo storify.

POSTILLA: subito dopo aver pubblicato il post sono andato a leggermi l’edizione online de “La Stampa” di oggi, dove Massimo Gramellini commenta i fatti delle Vallette. Pare che ci sia una certa corrispondenza nello schema argomentativo: i “tre cerchi” di Gramellini, cioè le tre comunità. Peccato che Gramellini non si ricordi di citare la sua comunità, quella dei giornalisti…

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , ,

4 thoughts on “A Natale regala un pogrom

  1. Francesco Finucci ha detto:

    Siamo in una congiuntura in cui convergono una immane crisi economica, populismo anti-finanziario (qualche reminiscenza di questo “fantastico” paese anti-fascista ma con remore verso i crimini del comunismo) e squadrismo fascista. Mi ricordo di un servizio di Current sul neo-nazismo in russia. Quello che un testimone diceva è che in realtà i fascisti fanno comodo, ispirano fantasia nella “popolazione (in)civile”, perché fanno ciò che tutti vogliono ma che non hanno il coraggio di fare. Questa è la nostra condizione. La barbarie, e speriamo che non diventi l’orrore, perché la stupidità e la violenza congenita non ci manca di certo. Vediamo quale polveriera scoppierà per prima.

  2. giovanni ha detto:

    ciao Fede; una settimana fa, autobus 4.Quattro,cinque reagazzini,17nni all’apparenza;puliti,crestina col gel,iphone o come cazzo si chiama,per farsi foto.Urla, spinte,bestemmie.Ok,ormai sono un vecchio.La mia irritazione stava salendo alle stelle.Poi l’autobus si è fermato al Pam,la cosidetta fermata del Pam,l prima di corso del popolo.Neanche aperte le porte che quesdti cinque minorenni deficienti,sfigati,minorati urlavano invettive contro l’ormai tradizionale bivacco dei rom, che cenano davanti al supermercato,appena fatti gli acquisti per la cena.Non è che io trovi assurdo che dei minorenni minus habens in crisi ormonale se la prendano, a debita distanzaa di sicurezza,verso il “diverso”.E neanche che abbiano imparato dalle famiglie di provenienza a prendersela con i “singani”, perchè di quuesto me ne son fatto una ragione 40 anni fa. Mi fa male ma lo so, non mi stupisce.Quello che mi fa impazzire è che,anche contro ogni evidenza,visto che i cinque molesti stavano infastidendo un mezzo autobus è che COMUNQUE loro saranno la parte sana e i rom la parte malata.Anche se uccidessero una bimba rom di due anni semineranno al massimo qualche dubbio….poi tutto tornerà al suo posto. I buoni e i cattivi, soprattutto I PULITI e GLI SPORCHI (i cinque minicretini erano, come si usa fare in Grezzolandia, puliti,pettinati e ben vestiti, forniti di tutto l’hi tech necessario per far credere a chi non sa che la tecnologia è solo una perdita di tempo). Magari uno di questi deficienti farà la fine di Edward Norton in American History x….No, non credo; la piccolezza d’animo si impara alla svelta e resta per una vita. Una vita di mediocrità assassina e deresponsabilizzata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: