Un piano a misura di mosca

Non sono riuscito ad andarci, e stando ai racconti è un vero peccato. Sto tentando di vedermi lo spettacolo del Consiglio Comunale di ieri in streaming ma le potenti tecnologie messe a disposizione da Venis sembrano fare cilecca. Chi c’era mi ha parlato di una seduta-fiume, conclusasi alle quattro di stamane nel modo previsto: il PAT viene approvato (24 voti a favore, 11 contrari) con qualche marginale correzione. Ma, come si è già detto, è la natura aperta del Piano, la sua forma postmoderna, che renderà comunque possibili le grandi speculazioni sul territorio. Tra i consiglieri convintamente a favore del PAT emerge la straordinaria figura attoriale del verde Beppe Caccia, presentatosi al voto assieme alla consueta claque dei centri sociali “Morion” e “Rivolta”, da contrapporre scenograficamente ai ragazzi di Ca’ Tron. Abbiamo appreso da Caccia che questo PAT rappresenta una transizione verso una città che ancora non esiste e che grazie ad esso Porto Marghera conferma la sua vocazione industriale. Siccome con vocazione industriale si intende quella attuale, novecentesca, delle lavorazioni “sporche” – come ho sentito con le mie orecchie da Ezio Micelli – ci si potrebbe domandare che fine abbia fatto l’affascinante quanto misteriosa green economy strombazzata dall’assessore e compagno di partito Bettin. Ma che importa, di fronte ad una così vibrante interpretazione, degna di Cronenberg! Caccia e Bettin – e così i disobbedienti veneziani – toccano oggi uno dei vertici della loro esperienza teatrale, mai così convincenti nel ruolo della mosca cocchiera, quella che viene portata credendo di portare e che, infine, si pasce di ciò che i cavalli lasciano lungo la strada. E’ così buona.

(Nel caso non mi sentiate per qualche tempo, sarà a causa delle spranghe dei goombahs.)

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

22 thoughts on “Un piano a misura di mosca

  1. mixmux2 ha detto:

    E ti sei anche perso la farsa di mos-caccia che risponde alle provocazioni di alcuni ragazzi dei centri sociali, si lancia contro di loro sapendo di avere in mezzo una fila di vigili che lo protegge. Io sono stato presente un paio di giorni fa e tocca dirlo (controvoglia) che le uniche proposte in difesa dell’ambiente arrivavano dalla Lega e dai Grillini. Il pubblico (non eravamo cittadini ma pubblico di uno spettacolo-farsa) era quasi tutto di sinistra ma paradossalmente in questo momento abbiamo un governo di pseudo centro-sinistra ed un’opposizione di popolo di sinistra! E la destra? Ci guadagna in silenzio.

    • Federico Gnech ha detto:

      Sono d’accordo, Michele. Fa specie vedere come l’unica opposizione interna al PD fosse quella dei cacciatori contrari al Parco della Laguna! Ma non poteva essere che così, abbiamo tutti votato Orsoni per fermare la Lega, no? E adesso la Lega (e altrove i “forconi” o altri nazi-indignati) avanza. N.B. i contestatori di Caccia erano quelli di Ca’ Tron, che a differenza dei ‘goombahs’ del Rivolta non hanno capibastone o padrini.

  2. giovanni natoli ha detto:

    il Morion favorevole al PAT? Ma davvero?

  3. shylock ha detto:

    anche a Genova l’urbanistica ha raggiunto stadi postmoderni: è in discussione un PUC (scadente) dal quale sono stati espunti tutti i luoghi chiave per il futuro della città (chiamati distretti di trasformazione) e che saranno oggetto di successive varianti. Come dire che il PUC agisce su tutto ciò che non è importante in città…

  4. shylock ha detto:

    a proposito, ho trovato cose molto interessanti su Venezia nel sito di Italia Nostra:
    http://www.italianostra.org/?page_id=12520

    • Federico Gnech ha detto:

      Sì, sono molto attivi, ho conosciuto il segretario della sezione locale, in prima linea contro il MOSE e poi contro il PAT. Un signor architetto che ha fatto anche l’assessore in provincia (questo per contraddire quelli per cui chi dice di no lo fa astraendosi dalla realtà). Purtroppo i migliori devono fare le cassandre inascoltate.

  5. Supertazz ha detto:

    l’unica mia speranza è che il Caccia si faccia, a torto o a ragione, un po’ di tempo dietro le sbarre (per par condicio anche un po’ dei suoi amicici): lo so che poi farà il martire (speriamo che almeno esca come San Sebastiano) però vuoi mettere che godimento?

    • Federico Gnech ha detto:

      Scusa, che c’entra la galera? Per favore non diciamo cazzate.

      • supertazz ha detto:

        ovviamente mi riferivo al caso S Lucia…
        Cmq visto che il mondo è pieno di SPIE ti dirò che una mosca ha visto il Caccia a passeggio per la prospettiva Nevskji veneziana con un paltò verde che assomigliava tantissimo al loden del Prof. Monti e parafrasando Guccini: mi mettevi a disagio col tuo paltò (mentre alcuni irreducibili usano l’eskimo con questo freddo polare:duri e puri)!
        E tanto per rifarsi un po’ l’udito!

      • Federico Gnech ha detto:

        Te l’ho detto che io portavo il loden a diciott’anni (un bellissimo Merlet verde, taglio sopra il ginocchio, trapuntato rosso-cangiante), quando tutti i miei amici giravano col bomber? 😉

  6. Rag. Coprofa ha detto:

    Caro Federico Gnech, mi è stato segnalato questo tuo seguitissimo blog dall’FBI. Sappi che la “scalata resistibile al potere” consente al rag. Coprofa* di venire a conoscenza delle infamie e offese gratuite che scrivi ( scriverai) nel tuo delirante blog. Il rag. Coprofa*, senza livori personali, non vede l’ora di rispondere, commentare e controbattere… senza invenzioni. Un saluto che non lo si nega a nessuno. Rag. Coprofa.

  7. Roberta ha detto:

    Il PAT è il piano d’assetto territoriale. Come si può essere contro o a favore del PAT!? Il Pat al suo interno prevede una serie di punti, alcuni dei quali molto discutibili. Il MOrion come altre associazioni non dice contro al PAT ma si dice contro alle questioni sulla cementificazione del territorio, contro veneto city, contro alcuni punti precisi all’interno del PAT…IL piano d’assetto territoriale è una cosa che va fatta. Oltretutto chi dice di essere contro al PAT ignorando le sue stesse parole sono organizzazioni, gruppi, singoli che non vedo mai nelle occasioni di contestazione vera. La galera, i capibastone e le cattiverie che escono dalle vostre parole sono davvero tristi e di critica d’accatto.

    • Giovanni Sugo ha detto:

      sì, già questo mi suona meglio

    • Federico Gnech ha detto:

      Roberta, in questo blog e in questi commenti non c’è nessun ‘noi’, ci sono opinioni anche molto diverse di cui ognuno, singolarmente, si prende la propria responsabilità.
      Inutile tornare sul discorso: è l’impianto complessivo del PAT che non va bene, e questo lo sai (lo sapete) benissimo. Alcuni docenti IUAV, tra cui Boato e la Vittadini, o Edoardo Salzano, o Gasparetto di Italia Nostra (associazione attiva in TUTTE le vicende di questi ultimi anni) hanno spiegato molto bene il perché della loro contrarietà al piano *così com’è*. Chiedi come si può essere contrari al PAT, io mi chiedo come si può partecipare alla manifestazione contro il PAT (c’era il Morion, e c’ero anch’io) e, passata una settimana, dare manforte a chi quel PAT lo vota. Comunque stai tranquilla, ché tanto questa è una città distratta e smemorata.

      • franca ha detto:

        dato che la manifestazione contro il pat era totalmente priva di una linea di contenuti, perchè chi l’ha organizzata non ne sa mettere, parteciparvi non era contro l’intero pat, concordo con roberta sul fatto che è assurdo essere totalmente contro è come essere contro il bilancio, va fatto ma l’importante è come, ma era x dargli una caratterizzazione….contrari alla cementificazione, alle grandi navi…etc….a me sembrano le tue parole un po’ invidiose dette da parte di chi arriva sempre miseramente secondo e in pochi….
        goombahns….ma quanto sei ridicolo

      • Federico Gnech ha detto:

        Franca io sono solo un osservatore e non appartengo a nessun gruppo, qui mi permetto però di replicare a nome di chi non partecipa (ma forse ci legge).
        Non è come scrivi, la manifestazione era stata invece pensata molto bene e i contenuti erano ben presenti, esposti molto puntualmente ad ogni sosta dai promotori (tra i quali Italia Nostra e i ragazzi di Ca’ Tron, che pochi giorni dopo sarebbero stati insultati da Beppe Caccia). Forse, se anziché intonare slogan sopra quegli interventi aveste ascoltato, ve ne sareste accorti. Non vi invidio per nulla, te l’assicuro, certi equilibrismi scenici devono essere faticosissimi.

  8. marta ha detto:

    PAZZESCO. Ma chi sei Federico, un opinionista della de Filippi? Offese, caciara e allusioni. Non sarebbe più importante, per la lotta contro Sub-Lagunare, Tav, Grandi Navi e porcate varie, pubblicare documenti aggiornati che aiutino l’informazione e accrescano la mobilitazione?
    Da quello che scrivi è evidente l’ ignoranza e la superficialità con cui affronti il problema.
    Mi piacerebbe molto aver avuto il modo di discutere questi temi pubblicamente, forse saresti stato più propenso a esprimerti con civiltà…non credo tu possa avere paura di me, peso 53 kg, ma ti avrei svergognato senza tanti problemi a parole…occasioni non son certo mancate, magari in una delle centinaia di assemblee che hanno coinvolto la cittadinanza in questi mesi su vari temi, ad esempio il passaggio delle grandi navi in laguna, in cui si è discusso anche di PAT e di molto altro…fatalità non c’eri…come non c’eri in Consiglio Comunale (per tua stessa ammissione) così come non c’eri a Dolo. COS’E’ SAI PARLARE SOLO PER SLOGAN E VOLGARI INFAMITA’ DA DIETRO LO SCHERMO DEL COMPUTER?
    Due cose ci tengo a dire, dopo essere stata da te offesa e prima di dimenticare l’esistenza di questo portale:

    1) personalmente, come attivista, non ho ritenuto di avvicinarmi più di tanto al tipo di protesta che veniva portata avanti anche con esponenti della Lega Nord misti a Movimento 5 stelle e chi più ne ha più ne metta…è una valutazione che evidentemente hanno fatto in molti (attenzione che non mi riferisco a Cà Tron, di cui tu ti riempi la bocca, ma di cui non sai più di tanto, figurati, ho occupato con loro la facoltà). Mentre alla manifestazione a Venezia ho partecipato allo spezzone No Grandi Navi assieme a centinaia d’altri cittadini e attivisti a sostegno della mobilitazione contro alcuni provvedimenti contenuti nel PAT.

    2) La sindrome da memoria corta sembra aver contagiato anche te…non citi, chissà come mai, le tante iniziative a cui ad esempio ho partecipato io, assieme al Morion, al Rivolta, a Italia Nostra e ai comitati cittadini sia di Venezia sia del territorio _vedi CAT e comitati NO TAV_ portando il mio contributo alle specifiche lotte, cosa che, se veramente per te fosse importante, potresti cominciare a fare.

    Non condivido il tuo pensiero e i tuoi modi nel modo più assoluto, tu forse i miei…il che non ti autorizza affatto a offendere e diffamare usando bugie (come tutta la cazzata della presenza di questi o quelli in Consiglio Comunale…sgrida la tua fonte farfallina che ti fa fare brutta figura).
    Vuoi qualcuno con cui cimentarti con i paroloni? Qualche tips: Trenitalia, Marchi; Clini, Monti ecc…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: