Problemi di connessione col mondo

Rieccomi, con ancora addosso un po’ della strizza per il terremoto, e con un pensiero rivolto a chi ieri notte lavorava e ci ha lasciato le penne. In Italia lo puoi sentire bene, il peso di duemila anni di storia che rischiano di crollarti addosso, ma per morire bastano un paio di putrelle arrugginite. Problemi di adsl domestica – non ancora risolti – mi hanno impedito di commentare i fatti degli ultimi giorni e, sebbene il presente blogghetto tutto sia fuorché un organo di informazione, è già scemata la voglia di scrivere qualcosa sulle bestiacce armate di Tokarev e sui ragazzini decerebrati che rivendicano il bel gesto. Niente di nuovo sul fronte del dannunzianesimo di sinistra. Quanto successo a Brindisi è invece un fatto relativamente nuovo per gli Italiani. Abituata ad un Paese diviso dal 1945, a un secolo di violenza politica organizzata e di massa, a contropoteri immaginari ed antistati reali, a trame più o meno oscure, a metà Paese amministrato dalle mafie, l’opinione pubblica italiana sa leggere la realtà soltanto attraverso il movimento di soggetti collettivi, bande, gruppi, clan, cupole, partiti armati. Del resto, quarant’anni di attentati senza colpevole hanno senza dubbio alimentato, non solo nei più engagé, quella tendenza alla dietrologia gratuita associata sempre all’indignazione collettiva. L’italiano medio crede che ci sia “qualcosa sotto”. E a volte qualcosa c’è sul serio, ma la soglia di attenzione dell’italiano medio è molto bassa, e poi c’è la Champions e l’italiano medio fa presto a distrarsi, ad annoiarsi e a dimenticare. Fino alla prossima bomba. La coincidenza con l’anniversario dell’attentato a Falcone, il fatto che la scuola fosse dedicata proprio a lui hanno fatto sì che si pensasse all’attentato di mafia, come nel ’93. L’ipotesi del messaggio. Ma in questo caso, che diamine avrebbero voluto dire, colpendo a casa loro una scuola per modiste, i mafiosazzi della Sacra Corona Unita? Ed è colpa della crisi se sono stati costretti a ricorrere alle bombole di gpl anziché all’esplosivo? Ecco, sono già caduto nella tentazione del commentatore medio, dell’investigatore da bar sport. Un popolo di santi, allenatori di calcio e di detective. E di scrittori di noir. Eh beh, se non è la mafia, ci dev’essere comunque “qualcosa sotto”. Ancora nessun colpevole, solo un crimine orrendo, ma non importa, la reazione è rapidissima e gli automatismi retorici sono già in moto: “Diciamo ancora una volta no alla mafia“, “colpiscono la scuola, il luogo in cui si forma la coscienza civile“, e poi, appunto, la dietrologia: “ancora una volta la strategia della tensione“. O, per contro, le reazioni di chi per la strategia della tensione nutre qualche inconfessabile nostalgia, dominus di quel teatrino sado-maso in cui entrambi i partner provano un mezzo orgasmo al suono della parola repressione. O del borghese piccolo piccolo di turno che twitta “ecco perché sono favorevole alla pena di morte“. Infine, attorno al cadavere le iene dei media che ora non devono nemmeno più chiedere la fotografia alla mamma della vittima, se la vanno a cercare su facebook. Io non so chi sia l’animale che ha piazzato la bomba di Brindisi, ma è possibile che in questo caso l’indignazione della cosiddetta società civile stia girando a vuoto, privata del suo schema. E se ci trovassimo invece di fronte ad una violenza con caratteristiche, per così dire, “americane”? Forse allora dovremmo abituarci agli impazzimenti individuali, alle esplosioni di violenza solitaria, ai raptus – anche lucidissimi, e magari sostenuti da approfonditi deliri intellettuali à la Breivik. Ma i riferimenti ideologici non sono affatto necessari. C’è un episodio chiave nella storia americana degli school shooting. Nel 1927 a Bath, in Michigan, un uomo con gravi problemi di debiti si fece saltare in aria nella scuola elementare per cui lavorava, uccidendo 58 persone, perlopiù bambini. Fu questa la sua forma di protesta contro una tassa, decisa dall’amministrazione locale per finanziare la costruzione di un nuovo edificio scolastico. Un pazzo furioso, certo, e un altro mondo, una storia e una cultura politica molto diverse, certo. Ma per una volta, oltre a tentare di capire se ci sia “qualcosa sotto”, e qualcosa d’altro, proviamo a guardare un po’ dentro a questa società smandrappata, i cui vari pezzi sembrano sempre più disconnessi.

Contrassegnato da tag , , , , , , ,

6 thoughts on “Problemi di connessione col mondo

  1. eugenio scrive:

    nulla da aggiungere. bentoranto

  2. Cpd scrive:

    Ci può descrivere i sintomi di astinenza da rete?
    Sull’articolo, d’accordo.
    C

  3. Sergio Baratto scrive:

    Hai scritto quello che penso anch’io, con molta semplicità e molta chiarezza. Grazie.

  4. […] qui l’avevo detto – non che ci volesse un genio, bastava un colpettino di rasoio ockamiano. […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: