Michele Salvati spiega perché scegliere Renzi (anche se forse non governerà)

« […] Non sarebbero invece elezioni primarie se passasse una riforma elettorale proporzionale come quella in discussione al Senato (di altre e migliori non si è mai veramente discusso). In questo caso, nelle condizioni in cui ci troviamo, è impossibile che si formi una maggioranza parlamentare di centrosinistra-sinistra come quella su cui punta Bersani, anzi, che si formi una maggioranza coerente di qualsiasi tipo. E quindi è ben difficile che il candidato che vincerà le primarie del centrosinistra abbia la possibilità di essere designato come presidente del consiglio: ci si verrà a trovare in una situazione nella quale o si indicono nuove elezioni (com’è avvenuto in Grecia) o ci si accorda su un nuovo governo Monti, anche se tutti ora lo escludono. Ma allora perché andiamo a votare il 25 novembre? […] Io vado a votare per esprimere il mio dissenso dalla linea della segreteria Bersani […]. E vado a votare per motivazioni politiche, perché credo che Bersani mantenga il PD nella riserva indiana di quella vecchia alleanza catto-comunista dalla quale –per la continuità della sua dirigenza- non è mai completamente uscito: è questo l’usato sicuro? E’ questa la socialdemocrazia? I grandi partiti socialdemocratici europei si riconoscerebbero appieno nel discorso con il quale Renzi ha concluso il convegno della Leopolda (17 novembre): sono partiti aperti al centro oltre che a sinistra, non aggrappati all’appoggio del sindacato, del pubblico impiego, di vecchi insediamenti territoriali in via di estinzione; sono partiti che sostengono i valori del merito individuale oltre a quelli della solidarietà con i più svantaggiati, partiti il cui socialismo è uno sforzo continuo di avvicinarsi a quell’uguaglianza di opportunità che è mirabilmente espressa dal secondo comma dell’articolo 3 della nostra Costituzione. E soprattutto sono partiti che declinano i valori della sinistra tenendo conto della situazione in cui si trova ad agire oggi e non di quella, assai più favorevole, in cui si trovò ad agire nel dopoguerra, in quella Golden Age della grande crescita economica in cui si realizzarono le grandi conquiste socialdemocratiche».

(il testo integrale dell’articolo lo trovate qui)

Annunci
Contrassegnato da tag , , , ,

One thought on “Michele Salvati spiega perché scegliere Renzi (anche se forse non governerà)

  1. shylock ha detto:

    ti risponderanno: le vedi che per Renzi vota pure Belzebù!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: