Vauro, Pigi Battista e il mio naso adunco

Oggi si è concluso il processo per diffamazione a carico di Giuseppe Caldarola e Antonio Polito, condannati per aver definito antisemita Vauro Senesi. La cosa risale a quasi cinque anni fa, a partire dalle reazioni ad una vignetta nella quale Vauro ritraeva Fiamma Nirenstein come una sorta di mostro di Frankenstein che porta addosso sia il fascio littorio che la stella di David. Premesso che Vauro mi stava sul cazzo anche quando compravo “il Manifesto” (in particolare quando si occupava di Israele), non mi è mai passato per la testa di dargli dell’antisemita. Stronzo sì, ma non antisemita. Tornando alla vignetta, si può forse negare che colpisca perfettamente nel segno? I fatti sono che una giornalista liberale ed ebrea (ed ex comunista) sceglie di essere candidata assieme ad un dichiarato fascista e antisemita come Giuseppe Ciarrapico. Il Ciarra, quello che «Fini s’è messo la kippà, io nun me la metterò mai!», ricordate? La politica è la politica, tutto quello che volete, ma questa roba qui è proprio un incrocio à la Frankestein. Una cosa grottesca, tragicomica (non tragica, tragica fu la figura di Ettore Ovazza, oggi siamo fortunatamente alla farsa). Eppure a qualcuno quella vignetta è parsa degna della propaganda antisemita. Peppe Caldarola, che pure è persona perbene, aveva attribuito a Vauro un insulto razzista che Vauro non ha mai scritto né detto. Nessuna sorpresa per la condanna per diffamazione, quindi. En passant: nell’ebraismo la diffamazione si chiama Hotza’t shem ra’ (הוצאת שם רע) (il diffondere un cattivo nome, letteralmente) ed è un peccato gravissimo. A Caldarola – e vengo al titolo del post – si era aggiunto Pigi Battista, che aveva fissato la sua attenzione sul naso della “Fiamma Frankenstein” disegnata da Vauro. E’ lo stesso naso adunco che si vede negli articoli de “La difesa della razza”, diceva Battista, fa parte dell’iconografia antisemita. Io onestamente non l’avevo notato. E se la Nirenstein avesse, casualmente, proprio un naso così? Perché la Fiamma quel naso ce l’ha. Che facciamo, Pigi, glielo raddrizziamo con photoshop?

fano12

Anch’io ho un naso così. Il mio naso arriva sempre prima di me. Un naso importante, come si dice, e un po’ adunco. “Il profilo greco di Federico”, ripeteva un mio professore alle medie. Greco o di tante altre provenienze sconosciute, diciamo. Qualche anno fa, al matrimonio di due amici, il padre dello sposo interruppe la conversazione tra me e un altro invitato in questo modo: «Sorry to disturb you…I have a question…are you Jewish?». Era un simpatico signore portoricano, militare in una grossa base USAF del Triveneto. «We’re not, but he’s terrone», volevo rispondere indicando F., di fronte a me. Potenza degli stereotipi: due nasi adunchi, un pizzetto (“tra il rabbinico e lo squadrista”, per citare Cesare Cases), due paia di occhiali e una conversazione gesticolante avevano trasformato me ed un altro invitato in una perfetta coppia di studenti di Yeshivà. Per inciso, il padre dello sposo era benintenzionato. Cercava un confronto. Cresciuto cattolico, diceva di aver scoperto di discendere da qualche antica famiglia di marrani (ma questa è un’altra storia….).

E’ un dato di fatto che l’antisemitismo sia in fase risorgente, in tutta Europa, Italia compresa. Lo stesso linguaggio utilizzato dal giudice nella sentenza di cui sopra è preoccupante, tantopiù perché ad utilizzarlo è un rappresentante dello Stato. Proprio per questo occorre soppesare bene le parole, occorre riflettere prima di lanciare certe accuse. Io stesso credo di avere una certa ipersensibilità sull’argomento, ma non dimentico mai la storiella del ragazzino che gridava troppo spesso “al lupo, al lupo!”. Cari Caldarola, Polito, Battista, voglio sperare che siate tutti animati dalle migliori intenzioni e che certi vostri interventi non abbiano nulla a che fare con le polemiche strumentali, con le meschinerie della nostra politichetta o con la necessità di “uscire”. Pensateci su.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: